arena rock – montabone

Leggendo l’edizione odierna della Stampa, apprendo , per la verità con una certa sorpresa, che l’Area politico culturale Sinistra Per sarebbe “ in azione per minare la poltrona di Montabone” e che addirittura “si  farebbe il nome di Pierpaolo Maza come successore”.

Tale notizia, anzi tale non-notizia, è destituita di ogni fondamento, né mi risulta che tale “pettegolezzo” circoli in Sala Rossa o in altre sale della politica torinese. In effetti più che di un pettegolezzo mi pare si tratta di un’assoluta invenzione che nasce e muore all’interno dell’articolo pubblicato oggi.

Sinistra Per non è interessata  e non partecipa a nessuna “trattativa” palese o riservata sulla composizione presente o futura della Giunta Chiamparino, né avanza alcuna candidatura in sostituzione dell’assessore Montabone, al quale, invece, esprimo tutta la mia stima.

Ho già avuto modo di esprimere in occasioni pubbliche e alla presenza di giornalisti, compresi alcuni degli estensori dell’articolo di oggi, la mia opinione: ciò che l’area politica di Sinistra Per chiede è di aprire una discussione, non solo in comune, ma anche in Provincia ed in Regione, sui profili e gli indirizzi strategici delle giunte guidate dal Partito Democratico, sulle proposte che presenteremo agli elettori nel chiedere loro di confermare il PD alla guida della Provincia nel 2009, della Regione nel 2010 e del Comune nel 2011.

Ciò significa, per quanto riguarda Torino, che noi intendiamo discutere e, se possibile, incidere sulla proposta di governo della città per i prossimi anni, sulle scelte strategiche in materia di sviluppo urbanistico, di mobilità, di sicurezza, di efficienza della macchina comunale. Gli assetti di Giunta funzionali a mettere in pratica tali scelte sono, innanzitutto, affidati alle valutazioni ed alle proposte del Sindaco e al confronto fra le forze politiche che lo sostengono. Saranno quindi gli organismi dirigenti del PD e non le singole componenti, né la nostra, più consolidata, né quelle di più recente costituzione, a dialogare e avanzare proposte al Primo Cittadino.

A tal riguardo, visto che anch’io credo di conoscere non solo i polli, ma anche i cortili dove quei polli sono soliti razzolare, non mi è sfuggita ancora una volta l’abitudine di Sergio Chiamparino, svestiti i panni di sindaco ed indossati quelli di capo corrente, di inventare scenari inesistenti, in questo caso un’azione di Sinistra Per per far cadere Montabone e sostituirlo con Pierpaolo Maza,, e di offrirli a giornalisti in cerca di gossip così da poterli commentare con sagace efficacia.

Di reale, e di serio, però in questo caso non c’è davvero nulla.