Addio metrò a piazza Bengasi, la scure sui fondi già previsti

Pagina II – La Repubblica Torino

 

L´allarme dei deputati Esposito e Boccuzzi sulla mossa del governo
Il sindaco: strano che si tolgano le risorse a noi e Bologna e restino per Roma e Milano

Il metrò rischia di fermarsi al Lingotto. Da ieri il prolungamento fino a piazza Bengasi appare un sogno. «Il governo Berlusconi ha tagliato i 128 milioni stanziati dalla Finanziaria 2008 del governo Prodi, per il prolungamento della linea 1». A lanciare l´allarme sono i deputati del Pd, Stefano Esposito e Antonio Boccuzzi. La sforbiciata è avvenuta con un emendamento al decreto per il sostegno al reddito delle famiglie che andrà in aula la prossima settimana: i fondi per la metropolitana sono stati spostati su altri progetti. «E´ un fatto di gravita´ inaudita – hanno commentato i due deputati – contro il quale faremo le barricate in aula e chiederemo a tutti i parlamentari piemontesi, di entrambi gli schieramenti, di sostenerci. Il governo Berlusconi fa finta di preoccuparsi delle necessita´ dei cittadini, ma poi agisce in direzione opposto. Non sarà un ennesimo attacco ad un´amministrazione di centrosinistra?».
Anche dal sindaco arriva una lettura politica della mossa. Dice in modo perentorio Sergio Chiamparino: «Se il decreto dovesse approdare in aula in questa versione significherebbe che si tolgono risorse ad un investimento strategico per le città, sia perché, forse a caso, forse no, si tolgono risorse a Bologna e Torino e le si danno a Milano legittimamente e a Roma un po´ frettolosamente per sanare un deficit che non e´ accertato. Faccio quindi appello ai parlamentari piemontesi di tutti gli schieramenti affinché si impegnino a ricostituire la versione originaria». Ed è quanto Boccuzzi e Esposito hanno chiesto a Laura Ravetto del Pdl, relatrice in aula, cuneese d´origine. Che, però, precisa: «Si tratta di ipotesi – dice – non facciamo strumentalizzazioni. Il tutto deve ancora essere discusso. Mi impegnerò perché Torino abbia i fondi». «Sono ore molto confuse e non ci sono ancora certezze». Questo il primo commento della presidente della Regione, Mercedes Bresso, e dell´assessore regionale ai Trasporti, Daniele Borioli. «Certo – aggiungono – se queste notizie fossero confermate, ci troveremmo davanti a un atto grave anche perché queste risorse erano già state destinate da un provvedimento del Cipe alla metropolitana di Torino proprio per il tratto Lingotto-Piazza Bengasi. Restiamo in attesa di certezze ma è chiaro che se gli allarmi saranno confermati, saremo pronti a dare battaglia con tutti gli strumenti». Preoccupati anche i vertici di Gtt: «L´azzeramento dei fondi sarebbe una decisione grave – dice il presidente Giancarlo Guiati – entro settembre sarà pronto il progetto esecutivo del prolungamento fondamentale per migliorare la mobilità dell´area Sud-Est della città».