vacanze

Praticamente, le vacanze parlamentari sono iniziate il 5 agosto, oggi è il 10 e nessuno ancora mi ha comunicato la ripresa dei lavori… Mi chiedo se il governo si rende conto della situazione in cui grava oggi l’Italia…

Qui si festeggia e si fanno ferie… Lunghe!

Vabbè, ne approfitto per rimanere a Torino, per occuparmi ancora un po’ del consiglio provinciale e di fatti nostrani!

Un pensiero riguardo “vacanze

  • 10 settembre 2008 in 09:35
    Permalink

    Caro Stefano, faccio eco all’articolo di Simone Collini e al suo quesito:
    “C’era una volta la casta. Oggi non c’è più. Estinta, caso risolto. I politici non sono più né intoccabili né incapaci, niente più sprechi di denaro pubblico, i costi della politica non fanno più gridare allo scandalo. C’era una volta il governo Prodi. Oggi non c’è più. Caso risolto.”
    Quello che tu ci scrivi stamane, mi fa pensare che invece la casta ci sia ancora e stia lavorando molto bene. Nel silenzio e attraverso comunicati che sono un pamplet di populismo mai visto.
    Ieri vedendo Ballarò ho avuto la netta impressione che l’unica cosa che conti sia la menzogna reiterata.
    Credo che la nostra controparte non abbia nessun interesse ad un confronto che come fine abbia una mediazione e quindi soluzioni condivise. Sembra quasi che desiderino portare avanti i loro progetti simulando un dialogo che in realtà non vogliono assolutamente fare. Inoltre, la nostra azione politica non mi pare adeguata, per forza e per proposta alternativa.
    Dobbiamo occuparci dei nostri “fatti nostrani” questo mi sembra giusto, ma forse dovremmo cercare di non finire un giorno si e l’altro pure sui giornali. facendo passare il messaggio che noi siamo la casta mentre chi governa il paese oggi è l’anti casta.
    Dobbiamo cambiare registro e fare quadrato intorno a poche ma chiare idee, rinunciando all’arroganza, che caratterizza alcuni dirigenti e amministratori del nostro partito, e fungendo Noi come collante e sintesi.
    Buon lavoro

I commenti sono chiusi