Giustizia: si riforma processo civile escludendo commissione Giustizia

“Maggioranza e governo hanno incredibilmente deciso di riformare parti importanti del processo civile sottraendone l’esame alla commissione Giustizia della Camera”. Lo denunciano le deputate del Pd della commissione Giustizia Donatella Ferranti (capogruppo), Marilena Samperi e Cinzia Capano.

 “E’ stata infatti rifiutata oggi in commissione Giustizia – dichiarano le deputate Pd – la proposta di richiedere lo stralcio degli articoli su questo tema inseriti nel ddl collegato alla manovra, all’esame delle commissioni Affari costituzionali e Bilancio,  e di assegnarli alla competente commissione Giustizia”.

 “Un atteggiamento che lascia sconcertati perché proprio ieri anche esponenti della Pdl della prima commissione – continuano le esponenti del gruppo del Partito democratico – si erano espressi favorevolmente a questa naturale soluzione. Si è trattato quindi dell’ennesima marcia indietro per per allinearsi alla volontà del governo”.

 “Sul tema della riforma della giustizia, si continua così – concludono – a procedere in modo frammentario e non organico senza assicurare a imprese e cittadini i caratteri di efficienza, funzionalità e garanzia dei diritti e negando di fatto a tutti gli operatori di potersi esprimere attraverso lo strumento delle audizioni parlamentari”.