INDUSTRIALI E IMPRENDITORI PRENDANO POSIZIONE NEI CONFRONTI DEL CENTRO DESTRA E CHIEDANO AL GOVERNO IL RISPETTO DEGLI ACCORDI

“A fronte del comportamento del Governo, che dimostra di non voler rispettare l’accordo siglato con la Regione Piemonte e di non voler stanziare le risorse necessarie per la realizzazione della TAV, è oramai quanto meno opportuno che Confindustria Piemonte e le associazioni di categoria prendano una posizione netta nei confronti del centro destra nazionale e locale. 

Gli imprenditori più volte convocano i parlamentari piemontesi e ci rivolgono l’invito a fare lobby sul fronte della realizzazione delle grandi opere e delle infrastrutture strategiche per il nostro territorio. Iniziativa ammirevole. Ma ammirevole sarebbe anche la presa d’atto da parte degli imprenditori che non tutti i parlamentari sono uguali ed ugualmente impegnati in un’azione di lobby a favore del Piemonte. 

Lo dimostrano i fatti: spariti i soldi per la realizzazione della linea 2 della metropolitana, spariti i soldi a favore della delocalizzazione delle imprese a rischio idrogeologico, spariti i soldi della TAV (200 milioni che dovevano essere stanziati dal Governo in aggiunta ai 100 della Regione)…per non dire di quanto è costata l’ultima legge finanziaria al Piemonte in termini di decine di milioni di euro in meno. 

Non è più tempo per essere equidistanti: industriali ed imprenditori chiedano al centro destra di rispettare l’accordo siglato con la Regione e prendano una posizione netta nei confronti di chi non si impegna concretamente a favore del Piemonte”.