Eutelia, dopo il danno la beffa operai multati per la manifestazione

DIEGO LONGHIN – Repubblica

TORINO – Non solo devono fare i conti con uno stipendio che non c´è da otto mesi e con un´azienda commissariata senza futuro. Ora i lavoratori Eutelia devono sopportare denunce penali e multe salate, superiori ai 2.500 euro. La colpa? Aver protestato in via del Corso, dietro Palazzo Chigi, bloccando il traffico per più di tre ore. E nel gruppo sono finiti anche quattro deputati, due del Pd.

I fatti risalgono alla manifestazione del 10 marzo, ma i verbali stanno arrivando ora a 21 lavoratori di Torino, Napoli e Roma. La denuncia e la multa è stata recapitata già a due onorevoli del Pd che sono intervenuti per sedare gli animi e convincere gli addetti a spostarsi. Si tratta dei deputati Antonio Boccuzzi, ex operaio Thyssen sopravvissuto al rogo, e Stefano Esposito. Probabile che il provvedimento raggiungerà altri due deputati. «Questa vicenda ha dell´incredibile – sottolinea Esposito – si denunciano e multano lavoratori che protestano per il loro posto e per ricevere uno straccio di stipendio. Chiederò l´intervento del presidente Fini a tutela delle prerogative dei deputati scesi in strada per dare un sostegno ai dipendenti di Eutelia e per evitare problemi con le forze dell´ordine». Non solo. «Come sono stati identificati i lavoratori? Spero non dagli elenchi dei ventuno in delegazione alla Camera», aggiunge Esposito.

Gli onorevoli proporranno al capogruppo Franceschini e al segretario Bersani che il Pd paghi i legali per impugnare i provvedimenti. «Questo è un Paese dove da una parte si cerca di costruire un sistema di impunità – aggiunge Andrea Orlando, responsabile giustizia del Pd – dall´altra si colpiscono i più deboli».