A CAUSA DEL DISINTERESSE DEL GOVERNO IL PIEMONTE RISCHIA UNA FIGURACCIA INTERNAZIONALE

Apprendiamo che la Federazione Italiana Sport Invernali (Fisi) sta pensando di rinunciare all’organizzazione dei prossimi campionati mondiali di slittino in programma a Cesana, in quanto la pista olimpica presenterebbe problemi tecnici e gestionali.
Per mesi e mesi ho seguito con attenzione la vicenda relativa all’impianto di Cesana e si era giunti a un risultato concreto molto importante con l’approvazione da parte della Camera dei Deputati, il 24 febbraio scorso, di un Ordine del giorno bipartisan (firmato dal sottoscritto e dall’On. Roberto Cota, nel frattempo diventato Presidente della Regione Piemonte), che impegnava il Governo a prorogare l’esistenza dell’Agenzia fino al dicembre 2014 e a destinare 10 milioni di euro (fondi residui dell’Agenzia Torino 206) esclusivamente al funzionamento degli impianti olimpici di montagna e per la promozione turistica della Valle di Susa.
Nulla di tutto questo è stato fatto, nonostante la retorica sull’eredità postolimpica e la necessità di valorizzare la Valle di Susa che ha riempito i comizi elettorali!.
E così, grazie all’indifferenza del Governo e alle amnesie del Presidente Cota e degli esponenti piemontesi del centrodestra (che, alla faccia del federalismo, nulla fanno per difendere gli interessi del Piemonte quando questo può recare disturbo a Berlusconi), la nostra Regione si permette il lusso di rischiare di perdere una manifestazione prestigiosa, esponendosi a una figuraccia internazionale.
Rivolgo, quindi, un appello ai Sindaci dell’Alta Valle di Susa affinché si mobilitino immediatamente nei confronti del Governo e dell’amministrazione regionale chiedendo che le promesse fatte vengano rapidamente e concretamente mantenute.