Santena, Ages, i commenti alla notizia della convocazione del tavolo di crisi

SANTENA – 20 settembre 2010 – Il sindacato, la Filctem-Cgil, commenta l’annuncio della Regione che intende convocare il tavolo di crisi sull’Ages per lunedì prossimo.

Enrico de Paolo, Filctem Cgil, commenta: «Oggi ho ricevuto una chiamata dagli uffici regionali dell’assessorato al Lavoro, con la richiesta di conoscere le nostre intenzioni rispetto alla iniziativa programmata davanti a Palazzo Lascaris. Ho spiegato che la mobilitazione era stata organizzata perché sinora dalla Regione non erano arrivati segnali che facessero prevedere una convocazione del tavolo. Sindacato e lavoratori hanno la necessità di ottenere un incontro. Poco tempo dopo una nuova chiamata mi ha confermato la disponibilità della Regione a convocare il tavolo per lunedì prossimo, 27 settembre 2010. Subito dopo abbiamo deciso di sospendere la manifestazione programmata davanti all’entrata di Palazzo Lascaris».

«Noi ci auguriamo che al tavolo – aggiunge Enrico de Paolo – chi ha delle proposte concrete possa finalmente esplicitarle. Noi ci aspettiamo anche che la Regione convochi tutti i soggetti interessati: intanto il Commissario straordinario, gli amministratori di Santena e Villastellone e la Provincia. In quella sede chi, da settimane, sta dichiarando a tutto il mondo che ha proposte in merito, potrà finalmente presentarle al tavolo dove saranno valutate. Io mi auguro anche che, sino a quell’incontro, ci sia il silenzio di tutti e si lavori per arrivare a definire ipotesi che possano rivelarsi concretizzabili».

Stefano Esposito, parlamentare del Pd, riferisce: «I soggetti che hanno acquisito Ages Asti hanno rinunciato al ragionamento sul sito di Santena, ritenendo che gli amministratori della Regione non abbiano messo in campo nulla che potesse stimolare un loro ulteriore impegno. Siccome l’assessora Porchietto è da me vissuta come una persona seria, mi auguro che il tavolo che è stato convocato sia portatore di qualche buona notizia. Comunque la mia impressione è che la vicenda si potrà sbloccare solo se la Regione metterà in campo cose concrete: cosa che sinora si è ben guardata da fare».

Bruno Ferragatta, capogruppo dell’Unione Centrosinistra, commenta: «Esprimiamo soddisfazione, anche se con la giusta prudenza, all’annuncio di convocazione del tavolo sull’Ages in Regione. La manifestazione del 21 settembre davanti a Palazzo Lascaris è stata così sospesa perché il 27 settembre è previsto un incontro con i rappresentanti regionali. Arrivati a questo punto in cui la vicenda è universalmente conosciuta ci attendiamo un ascolto produttivo, in grado di dare risposte fattive perché si possa sbloccare la delicata situazione degli operai dell’Ages che appare appesa a un filo e ha bisogno di trovare interlocutori efficaci in grado di sì di ascoltare ma, soprattutto oggi, di agire».

**

via rossosantena.it