“LA BRESSO MI CACCIA? FAREBBE BENE A STARE ZITTA”.

L’ex Presidente Mercedes Bresso sta dimostrando di aver smarrito lucidità ed equilibrio. Non solo nel giro di poche ore è passata dalla prostrazione di chi riconosce di aver perso la partita ad affermazioni battagliere sulla lotta per la legalità, ma mi ha aggredito invitandomi ad andare via dal PD. E’ curioso che al mio appello alla Bresso di occuparsi più dell’interesse del partito, e meno del suo interesse personale, si replichi con una fatwa nei miei confronti. Probabilmente si è talmente calata nei panni della ‘zarina’ da credere di vivere in un regime imperiale, dove i contestatori venivano epurati, anziché in una democrazia fondata sulla libertà di espressione.

Non sono certo diventato un para-leghista e quando ho riconosciuto la ragionevolezza della posizione di Cota e Bossi sul riconteggio, ho semplicemente sottolineato l’inutilità di aver disposto un nuovo spoglio delle schede e l’assurdità di una eventuale surroga. Critiche analoghe sono state formulate da insigni giuristi ed autorevoli commentatori, quindi è fuori luogo lo stupore a fronte della decisione del Consiglio di Stato. Invito l’ex Presidente a recuperare i valori dell’equilibrio e della pacatezza e quando parla del consenso di cui lei godrebbe (a differenza del sottoscritto), mi permetto di ricordarle le reazioni suscitate dalla sua scelta di ritirare la firma dei ricorsi in cambio della nomina a Presidente del Comitato europeo delle Regioni oppure le reazioni alla sua scelta di non aderire al gruppo consiliare del PD e di dar vita a un gruppo consiliare autonomo, ovviamente per nobili ragioni.

La Bresso, dall’alto di un’idea esagerata di se stessa, dispensa lezioni morali e politiche a tutti e invita ad andarsene dal PD coloro che non fanno esercizio di cortigianeria nei suoi confronti. Di fronte a tanta arroganza non posso che suggerirle, quando si tornerà a votare per la Regione, di ripresentare la sua candidatura al PD e alla coalizione. Quella sarà la sede dove verificare il consenso intorno alla sua persona. Nel frattempo, farebbe un favore a se stessa e al PD, se incominciasse a stare zitta.

19 pensieri riguardo ““LA BRESSO MI CACCIA? FAREBBE BENE A STARE ZITTA”.

I commenti sono chiusi