Sel cede al Pd la Tav entra nel programma della coalizione

SARA STRIPPOLI – Repubblica

La Torino-Lione viene citata nel patto di programma che sarà sottoscritto dai candidati in corsa per le primarie di coalizione. La versione della scorsa settimana, dove la Tav era scontata («reti infrastrutturali strategiche per collegarci all´Europa nell´ambito del trasporto pubblico»), è stata modificata per evitare accuse di ambiguità. Paola Bragantini annuncia che la versione definitiva sarà pronta solo questa mattina. l documento finale riporta testualmente una frase che ha soddisfatto sia il Pd sia Sel: «Favorire la realizzazione del corridoio 5 Torino-Lione per la connessione dei nostri territori ai grandi sistemi di comunicazione, compreso il nodo di Torino». Una citazione che dovrebbe mettere a tacere chi sostiene che la presenza di Sel e di Ferrentino condizioni la posizione della coalizione di centrosinistra sulla Tav. «Il nodo di Torino è fondamentale», conferma il sindaco di Sant´Antonino di Susa, aggiungendo però che invece di mettere sotto la lente di ingrandimento anche la più piccola virgola «dovrebbero preoccuparsi del progetto che ancora non c´è». Paola Bragantini dice che la formulazione definitiva, che modifica la versione precedente inserita nel patto di programma, «sarà perfetta, assolutamente non in contrasto con la posizione del Pd sulla linea Torino-Lione». Sono note infatti le posizioni di Stefano Esposito, il quale adesso ribadisce che indicare come priorità il nodo di Torino significa «riproporre il vecchio documento Fare dei sindaci valsusini. E non è questa la posizione del Pd e della coalizione». L´ultima versione del patto di programma dovrebbe chiudere le polemiche e sarà sottoposto ai cinque candidati ufficiali chiamati a firmarlo in un incontro pubblico che si terrà nei prossimi giorni. Insieme a questo, i candidati dovranno sottoscrivere anche l´impegno a rispettare un regolamento tecnico messo a punto per evitare abusi nella raccolta delle firme e durante la campagna elettorale.