ORA SUBITO GLI STATI GENERALI DELLA NEVE

“Siamo ad un bivio. O si rilancia e ci si impegna sull’eredità olimpica, oppure lo smantellamento e la riconversione degli impianti è alle porte. Non vogliamo drammatizzare, ma è evidente a tutti – dal pubblico al privato – che senza un piano finanziario preciso e dettagliato gli impianti olimpici, unici al mondo per modernità ed efficienza, sono destinati a subire pesanti ridimensionamenti. Anche se non possiamo non sottolineare il ruolo positivo ed efficace svolto sino ad oggi dai dirigenti del Parco Olimpico.

La Regione Piemonte deve farsi promotrice di una convocazione urgente degli ‘Stati Generali della neve’ per coinvolgere gli enti interessati – nazionali e locali, a cominciare dal Coni – ad un impegno preciso per continuare ad utilizzare gli impianti olimpici e alla manutenzione degli stessi. Una eventuale ‘Coverciano della neve’ richiede una iniziativa politica bipartisan ma capace di porre la gestione degli impianti come elemento prioritario per rilanciare il turismo invernale in Piemonte e l’immagine e l’enorme patrimonio dell’eredità olimpica”.