UNA MOZIONE IN PARLAMENTO PER RITORNARE A VEDERE LA RAI IN PIEMONTE

“Una Mozione in Parlamento per far sì che la Rai in Piemonte ritorni ad essere vista da tutti i cittadini che pagano regolarmente il canone. L’abbiamo presentata questa mattina con la firma di tutti i parlamentari piemontesi del PD (Fassino, Portas, Rossomando, Lucà, Rampi, Lovelli, Bobba, Fiorio, Damiano e Boccuzzi) e i deputati del centro destra e della Lega Nord eletti in Piemonte.

Del resto, il passaggio al digitale in Piemonte ha creato disagi e disservizi gravi e non più tollerabili e che vanno eliminati al più presto. E’ indispensabile, come abbiamo evidenziato nella Mozione che sarà discussa nei prossimi giorni alla Camera, l’intervento immediato del Ministero dello Sviluppo Economico attraverso i suoi organismi competenti per risolvere un problema – sostanzialmente legato alle frequenze – che vede decine di migliaia di cittadini piemontesi pagare una tassa, quella sul canone appunto, senza riceverne un concreto beneficio. Senza dimenticare la secca perdita di credibilità del servizio pubblico radiotelevisivo a Torino e in Piemonte”.