C´è l´accordo, arriva Vasco

Diego Longhin – Repubblica

Si farà il 3 settembre allo Stadio Olimpico il concerto torinese di Vasco Rossi. L´accordo raggiunto ieri tra Comune, Torino Fc e Set Up-Live Nation ha sbloccato un´impasse che durava da due mesi, tra polemiche e scambi di accuse. La fumata bianca, che lascia aperta anche la possibilità di raddoppiare la data nel caso la prevendita andasse particolarmente bene, non ha però evitato che saltasse il pre-tour piemontese del Blasco che stava a cuore all´assessore regionale Cirio.

Vasco sarà a Torino. Accordo raggiunto tra Comune, Torino Calcio e il gruppo Set Up-Live Nation per la tappa sotto la Mole del Tour 2011. Dopo due mesi di polemiche per la non disponibilità dell´Olimpico, impegnato per le partite, nel giro di quindici giorni si è superato il problema. Il 3 settembre Vasco Rossi sarà all´ex Comunale. Ed è possibile, in caso di vendita straordinaria di biglietti, un´altra data, probabilmente il 4.

Tutti soddisfatti, ad iniziare dai promoter Set Up-Live Nation e dal Comune. La svolta ieri mattina, dopo una riunione tra Giulio Muttoni, patron di Set Up, Tom Dealessandri, vicesindaco di Torino, e il segretario generale del Torino Calcio, Pantaleo Longo. L´accelerata dopo che l´onorevole Stefano Esposito (Pd) aveva rivolto un appello ai candidati sindaco, in particolare Piero Fassino, per chiedere che non saltasse la data torinese.

Il concerto era ormai a rischio, nonostante lo spostamento di una settimana, da fine agosto a inizio settembre, della tappa per riuscire a conciliare l´utilizzo dell´impianto sportivo con le partire di calcio. L´assessore allo Sport, Beppe Sbriglio, ha poi scritto alla Lega calcio e al Torino Calcio, per “prenotare” la data rispetto ai calendari delle gare. Alla trattativa ha partecipato anche il vicesindaco Dealessandri, che ieri ha messo intorno ad un tavolo i promotor e i vertici granata. L´intesa c´è. Ora si tratta di trasformare il tutto in una delibera che dovrebbe essere portata per l´approvazione nella prossima riunione di giunta di martedì. «Si sono poste le basi – dice il prudente vicesindaco – per risolvere tutti i problemi. Nel giro di tre-quattro giorni si dovrebbe mettere tutto a punto».

Soddisfatto anche Giulio Muttoni, che guida la Set Up: «Sarebbe stato un peccato negare a Torino la data del Tour 2011 di Vasco. Siamo sempre stati disponibili ad un confronto per trovare la soluzione migliore». Salterà, a meno che non venga spostata, la tappa di Udine, dove per avere il cantante di Zonca erano disposti anche a mettere sul piatto un contributo. «Sono contento di aver contribuito a portare Vasco a Torino – dice il candidato sindaco del centrosinistra Piero Fassino – la città non può perdere questi appuntamenti e non deve rischiare di uscire dai grandi circuiti italiani e internazionali della musica. Il mio obiettivo è quello di valorizzare la musica a Torino».

Saltato, invece, il pre-tour di dieci giorni in Piemonte. Un pallino dell´assessore al Turismo della Regione, Alberto Cirio, che ha incassato però il «no» secco da parte del sindaco di Alba. Vasco andrà ad Ancona e poi per la prima data dopo lo stop estivo direttamente a Torino. Dieci giorni fa è arrivata una lettera firmata dal primo cittadino di Alba, in cui il sindaco negava l´utilizzo dell´impianto cittadino e sosteneva che non è interessato a ospitare le prove per la ripresa del tour 2011 a fine agosto.

La possibile data bis sotto la Mole, probabilmente il 4 di settembre, verrà decisa più avanti. Prima saranno aperte le vendite per il 3 per valutare le richieste dei ticket. La necessità verrà considerata anche in base alla capienza concessa dell´Olimpico. Probabile che non si possano superare le 30 mila persone.