TAV : “GARANTIRE LE RISORSE PER LE COMPENSAZIONI (AL 5%) E CONVOCARE UN TAVOLO POLITICO CON LA COMUNITA’ MONTANA”.

Domani la Camera dei Deputati discuterà un’Interrogazione urgente presentata dall’On. Stefano ESPOSITO (PD) al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in merito alla nuova linea ferroviaria Torino-Lione.

Il documento pone al Governo quattro questioni particolarmente rilevanti e urgenti:

1)        la tempistica relativa alla sottoscrizione da parte del Governo Italiano e di quello Francese del trattato intergovernativo sulla ripartizione dei costi dell’opera come richiesto dalla Commissione Europea;
2)        la richiesta al Governo di riconoscere il progetto della tratta internazionale e nazionale della Torino-Lione come infrastruttura strategica non soggetta alla norma contenuta all’articolo 4 del Decreto Sviluppo (che riduce dal 5% al 2% la percentuale delle risorse disponibili per le compensazioni), in quanto il progetto è una variante di quello approvato sia in sede di VIA sia in sede CIPE nel 2005;
3)        la richiesta al Governo di assumere fin da ora l’impegno a riconoscere una cifra pari a quella del 5% sul costo complessivo dell’opera, circa 250 milioni di euro, al fine di garantire risorse adeguate agli interventi previsti nel Piano Strategico redatto dalla Provincia di Torino e condiviso dalla Regione Piemonte e dal Governo;
4)        l’invito al Governo, in accordo con gli Enti locali e il Presidente dell’Osservatorio Arch. Mario Virano, a convocare un tavolo politico con il Presidente della Comunità Montana Val Susa e Val Sangone al fine di offrire e verificare la reale disponibilità manifestata, pur senza interrompere il cantiere di Chiomonte.