ORA SERVONO MISURE STRAORDINARIE CONTRO LE FRANGE VIOLENTE

Come ampiamente annunciato anche oggi a Chiomonte sono proseguiti gli attacchi
in stile teppistico che più nulla hanno a che fare con la protesta contro la
Torino-Lione, se non fosse per il fatto che una parte del tutto minoritaria del
movimento No Tav, in modo irresponsabile, continua a convocare manifestazioni
che offrono ai teppisti di professione il pretesto per salire in Valle di Susa
e strumentalizzare la protesta dei valsusini sporcandola con il loro violento
fanatismo.
A questo punto è perfino imbarazzante esprimere solidarietà alle forze dell’
ordine e condannare gli autori degli attacchi. Di certo non è più possibile
andare avanti così e consentire alle frange violente, capeggiate da ex
esponenti pluricondannati di Prima Linea, di fare il bello e il cattivo tempo.
Che cosa deve ancora succedere perché vengano adottate misure straordinarie
contro i violenti e a tutela di coloro che intendono continuare a protestare
pacificamente?