SITI OLIMPICI: ORA IL GOVERNO DICA SE LI VUOLE AFFOSSARE

“Ora il Governo ci deve dire se vuole affossare definitivamente il rilancio dei siti olimpici o se, invece, punta a sfruttare l’enorme patrimonio di Torino 2006 sbloccando subito le risorse – inutilizzate – attualmente bloccate dall’Agenzia per lo svolgimento dei giochi olimpici.
Oggi il Sottosegretario Crimi in Aula, dopo gli interventi di tutti i gruppi parlamentari a sostegno della mozione inerente lo stanziamento delle risorse a favore della Regione Piemonte, ha reagito con un silenzio assordante senza esprimere alcun parere. Un atteggiamento irresponsabile e grave che denota la sostanziale indifferenza del Governo nei confronti di un tema che resta decisivo non solo per il rilancio turistico delle valli che ospitano i siti olimpici – dalla Val Susa al pinerolese – ma che getta le basi per un progressivo depauperamento degli stessi siti che sono già in gravi difficoltà.
Ora il Governo è di fronte ad un bivio: dica chiaramente se vuole distruggere ciò che resta di Torino 2006, a cominciare dal pieno utilizzo di tutti i siti olimpici o se, invece, intende rilanciarli con un piano coerente di finanziamento investendo direttamente la Regione Piemonte e i Comuni montani. Ormai le chiacchiere, come si suol dire, stanno a zero.
Chiediamo con forza, per impedire al Ministro Tremonti di penalizzare ancora una volta il Piemonte, l’intervento fermo e risoluto del Presidente Cota. E ci appelliamo al Sottosegretario Letta, che in questi mesi è stato l’unico a prestare attenzione a questa battaglia che vede tutte le forze politiche impegnate”.