DOPO IL NUOVO ATTACCO AL CANTIERE SI FACCIA SGOMBERARE IL CAMPEGGIO

Siamo al secondo attacco contro il cantiere di Chiomonte e le forze dell’ordine che lo presidiano. Gruppuscoli di studenti-teppisti No Tav, guidati dalle retrovie da personaggi ben più esperti e pluri-denunciati, si sono sfogati nella notte tirando sassi, biglie e bengala.
Dal momento che è a tutti evidente come non di un campeggio estivo per ragazzini si tratta, ma di una base per aggredire il cantiere della Torino-Lione, bisogna assolutamente evitare che l’estate sia caratterizzata da periodici attacchi come avvenuto un anno fa, con il serio rischio che prima o poi accada qualcosa di grave agli agenti che responsabilmente anche ieri notte hanno evitato qualsiasi risposta ai lanci. Se si è davvero consapevoli di questo rischio, e non si vuole lasciare da soli i rappresentanti delle forze dell’ordine nell’azione di contrasto ai teppisti, allora è bene cominciare a ipotizzare lo sgombero del campeggio o qualche altra azione che faccia ben comprendere a tutti (studenti, antagonisti e burattinai vari) che non saranno tollerati altri attacchi e altre violenze.