ASA: QUALI PROCEDURE PER INDIVIDUARE GLI ESUBERI?

Alla cortese attenzione di:
Assessore Claudia PORCHIETTO
Assessore al Lavoro e Formazione Professionale Regione Piemonte
Assessore Roberto RONCO
Assessore all’Ambiente Provincia di Torino
p.c.
CGIL, CISL, UIL, FIADEL

VICENDA ASA: QUALI PROCEDURE PER INDIVIDUARE GLI ESUBERI?

Egregi Assessori,
come a Voi noto, lunedì 29 ottobre 2012 la vertenza ASA giungerà a una sua conclusione.
Infatti, con la scadenza del bando di gara nella giornata di lunedì si saprà se ASA verrà rilevata da un’azienda privata o, invece, se andrà verso il fallimento. In entrambi i casi degli attuali 197 lavoratori del comparto igiene urbana solo 123 continueranno a lavorare.
Mi permetto di scriverVi per chiederVi se siano stati individuati criteri certi ed oggettivi per definire chi continuerà ad avere un lavoro e chi no.
Sono assolutamente certo che non vi sfugga la rilevanza di questo passaggio, tuttavia, ma potrei essere male informato, ad oggi non risulta che siano state avviate procedure condivise tra istituzioni, sindacati e lavoratori interessati. Mi risulta, invece, che si stia procedendo in ordine sparso. Credo che questo non aiuti una scelta che sarà molto dolorosa e drammatica e che solo attraverso criteri oggettivi sarà possibile ridurre l’impatto sui lavoratori e le inevitabili tensioni. Mi risulta, inoltre, che la Provincia di Torino si sia impegnata a garantire percorsi di formazione e ricollocazione per i 74 lavoratori che non avranno più un’occupazione. Il che costituisce un fatto positivo.
Mi permetto, quindi, di sollecitare le istituzioni che rappresentate a farsi garanti, da subito, di un percorso per l’individuazione di criteri certi, per evitare che la scelta dei 123 lavoratori sia affidata a meccanismi opachi che tanti danni hanno già procurato all’ASA.
Sono certo che sia nell’interesse di tutti, sindacati compresi, voltare pagina rispetto al passato.

On. Stefano ESPOSITO
Parlamentare PD