DA LUPI SCARSA ATTENZIONE ALLE RICHIESTE DEL PIEMONTE. ORA PRESSING DECISO DI COTA E FASSINO SU LETTA

Questo pomeriggio si è svolto, come previsto, l’incontro tra la delegazione dei Parlamentari piemontesi ed il Presidente Cota, alla quale hanno partecipato l’Assessore Picchetto, il Sindaco Fassino e l’Assessore Avetta, dove si è definito il dettaglio delle richieste del Piemonte per l’imminente discussione alla Camera del ‘Decreto del fare’. Le decisioni assunte e concordate sono: finanziamento di 25 milioni di euro per la copertura del passante ferroviario di Torino, 78 milioni per la linea ferroviaria Novara-Malpensa, più una quota di 80 milioni di restituzione parziale dei fondi Fas (anticipati dalla Regione Piemonte) per il prolungamento della metro linea 1 fino a piazza Bengasi e per la realizzazione del sottopasso di corso Grosseto/Torino-Ceres. Il punto di equilibrio trovato si può definire soddisfacente.

A seguito della riunione mi sono recato all’inaugurazione del quadruplicamento della Torino-Milano a Masero, dove ho incontrato il Ministro Lupi al quale ho illustrato rapidamente i termini dell’accordo. Purtroppo, ho dovuto registrare da parte del Ministro una scarsissima disponibilità sulle richieste del Piemonte, con un generico impegno da parte sua a valutare tali richieste in altri provvedimenti.

Per quanto mi riguarda non ritengo accettabile alcun rinvio per queste proposte e considero indispensabile che da oggi fino all’8 luglio (termine della scadenza degli emendamenti per il Decreto del fare), il sistema istituzionale piemontese rafforzi in modo deciso l’opera di pressing nei confronti del Governo, affinché comprenda che l’azione dei Parlamentari piemontesi e delle istituzioni non è un pro forma, ma è finalizzato a realizzare obiettivi che valutiamo minimi e non prorogabili.

A questo proposito, siccome venerdì il Presidente Cota e il Sindaco Fassino incontreranno il Presidente del Consiglio Enrico Letta, è necessario che espongano con chiarezza e fermezza quanto tutto insieme abbiamo stabilito.