Perizia integrale della Procura di Torino sulle Armi trovate in possesso di alcuni no tav

Ritiro e descrizione dei reperti

Lo stesso giorno del conferimento dell’incarico presso il Comando Provinciale Carabinieri di Torino è stata ritirata la seguente campionatura dei reperti inerenti il proc. pen.18142/13 R.G.N.R. nei confronti di Forgione Davide e Rossi Paolo:

  • nr.6 tubi in PVC di colore arancione di varie dimensioni;
  • nr.4 petardi modello “Folgore l’originale”;
  • una confezione di razzi pirotecnici modello “Rocket Box”;
  • una confezione di razzi pirotecnici modello “Red Blink”;
  • una cesoia di colore giallo marca Aurer;
  • un chiodo artigianale a quattro punte;
  • uno spezzone di corda in nylon del diametro di 4 mm;
  • una bottiglia di plastica da 1,5 lt contenente liquido di colore giallo;
  • una bottiglia di plastica da 0,5 lt contenente liquido di colore bianco;
  • una scatola di cubetti accendi fuoco tipo “Diavolina”;
  • un paio di guanti da lavoro;
  • una fionda

Si precisa che i rimanti reperti sono stati esaminati il giorno 12 settembre 2013 presso gli Uffici del R.O.S. di Torino:

  • nr.96 petardi denominati “Folgore l’Originale”,
  • nr.3 cesoie di colore giallo marca Aurel,
  • nr.5 fionde,
  • nr.5 maschere anti-gas,
  • nr.2 maschere da verniciatore modello “writers”,
  • nr.20 paia di guanti da lavoro nuovi,
  • una scatola di cubetti accendi fuoco tipo “Diavolina”,
  • una matassa di corda in nylon,
  • una bobina di corda in nylon del diametro di 4 mm,
  • nr.30 chiodi artigianali a 4 punte,
  • nr.4 bottiglie in plastica da 1,5 litri contenenti benzina,
  • nr.10 bottiglie in plastica da 0,5 litri contenenti liquido di colore bianco,
  • nr.2 confezioni contenenti complessivamente 14 artifici pirotecnici (razzi) modello “Red Blink”,
  • nr.6 confezioni contenenti complessivamente 36 razzi pirotecnici tipo “Rocket Box 7”,
  • nr.5 zaini,
  • nr.3 paia di pantaloni impermeabili,
  • nr.18 giacche a vento con cappuccio di varie marche e colori,
  • nr.2 T-shirt nere, una T-shirt blu,
  • nr.2 felpe nere con cappuccio,
  • una torcia da casco con elastico,
  • nr.6 pneumatici usati di varie marche e tipo per autovetture.

Esame dei reperti

Artifici “Folgore l’originale”

Sono stati esaminati nr.100 petardi modello “Folgore l’originale” prodotti dalla ditta “La Pirotecnica Maranese, via Marano Pianura località Boscogrande”; si tratta di potenti artifici di forma cilindrica della lunghezza di 13 cm e del diametro di 20 mm chiusi ad una estremità da un tappo in materiale plastico. All’altra estremità è inserita una miccia pirica di colore verde della lunghezza di circa 8 cm che garantisce un ritardo di accensione di circa 5 secondi; ogni petardo pesa 45 grammi, la massa dei prodotti attivi è di 21,1 grammi. I nr.100 petardi in sequestro contengono pertanto complessivamente 2100 grammi di prodotti attivi.

Si presentano in perfetto stato di conservazione ed appartengono ad un lotto prodotto nel 2010 con scadenza nel 2016. Per farli esplodere  in sicurezza è sufficiente appoggiarli sul terreno, accendere la miccia e allontanarsi immediatamente; trascorsi circa 5 secondi deflagrano producendo un forte boato. A breve distanza (inferiore al metro) l’onda di pressione provocata dalla loro deflagrazione può provocare gravi lesioni; uno scoppio a contatto può essere letale. Le prove sperimentali effettuate in data 17 settembre 2013 presso una cava sita nel comune di Orbassano hanno infatti ben evidenziato la loro pericolosità; si sottolinea che possono anche essere scagliati a distanza a mano oppure utilizzando una fionda o strumento similare.

Si tratta di artifici regolarmente classificati nella IV Categoria dei prodotti esplodenti dalla Commissione Consultiva del Ministero dell’Interno; su ogni esemplare è apposta la prescritta etichetta identificativa riportante caratteristiche del prodotto e relativa classificazione.

Classificazione

I nr.100 petardi “Folgore l’originale” in sequestro sono da classificarsi artifici pirici di IV Categoria. Questi manufatti possono essere venduti soltanto dalle armerie e devono essere caricati su apposito registro; la vendita è riservata esclusivamente a titolari di porto d’armi o di nulla osta e scaricati annotando gli estremi del titolo d’acquisto.

Artifici pirici denominati “Red Blink Brocade Crown”  

Sono state esaminate nr.3 confezioni di razzi “Red Blink Brocade Crown” (art.730) prodotti dalla “Fireworks Co. Ltd Liuyang City – Hunan Repubblica Popolare Cinese” ed importati in Italia dalla ditta “Fireworks Sud Snc” di Napoli. Ogni confezione blisterata contiene nr.7 razzi di cui tre della serie “Red Blink Broad” della lunghezza di 12 cm, del diametro di 3,6 cm e del peso lordo di 41 grammi e quattro della serie “Brocade Crown” della lunghezza di 14,5 cm, del diametro di 4,8 cm e del peso lordo di 74 grammi.

Su ogni confezione è riportato il peso lordo (490 grammi) e il peso complessivo della massa attiva (204 grammi) dei nr.7 razzi contenuti in essa; tenuto conto che i razzi “Red Blink” sequestrati agli indagati sono 21 si evince che la massa attiva complessiva è di 612 grammi.

Sulle confezioni è apposto il codice a barre “8 020113 00 7309”; gli artifici in esame appartengono ad un lotto prodotto nel giugno del 2012, la loro validità, se correttamente conservati, è di 72 mesi.

La miccia pirica di colore verde a rapida velocità di combustione destinata all’attivazione del razzo “Red Blink” ha una lunghezza di 5 cm e un diametro di 2 mm; il ritardo di accensione è di circa 5 secondi. La miccia è protetta da un “cappuccio” in plastica di colore arancione che deve essere asportato prima dell’accensione . Questi razzi sono in cartone rivestiti da carta da “pacchi”.

Si tratta di artifici regolarmente catalogati dal Ministero dell’Interno appartenenti alla IV Categoria dell’Allegato “A” al regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S.

Classificazione

I razzi “Red Blink Broad” in sequestro rientrano nella IV categoria dei prodotti esplodenti di cui all’Allegato “A” all’art.83 del Regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S.; la IV Categoria comprende i fuochi pirotecnici veri e propri a base di prodotti esplodenti. Questi manufatti possono essere venduti soltanto dalle armerie e devono essere caricati su apposito registro; la vendita è riservata esclusivamente a titolari di porto d’armi o di nulla osta e scaricati annotando gli estremi del titolo d’acquisto.

Schema di funzionamento

La bacchetta in legno unita al razzo viene inserita nel terreno o in un tubo di lancio di idoneo diametro posto in modo obliquo; mediante fiamma (accendino, cerino, ecc.) si accende la miccia pirica in dotazione al razzo, al termine della combustione la miccia provoca l’accensione della carica di lancio presente nella parte inferiore dell’artificio proiettandolo verso l’alto.

Una “spoletta” di ritardo frapposta tra la polvere nera e la carica illuminante impedisce l’immediata accensione della carica luminosa posta nell’artificio; esaurita l’azione di ritardo della spoletta si verifica uno scoppio con proiezione a 360 gradi di effetti colorati di vario colore e tipologia.

Le molteplici colorazioni si ottengono con sali minerali uniti alla miscela; le combinazioni di colore derivano ovviamente dalla miscelazione in giuste proporzioni di sali di diversa colorabilità. Effetti rossi si raggiungono con nitrati ed ossalato di calcio, carbonato, nitrato od ossalato di stronzio o litio; luci bianche con antimonio, magnesio o alluminio polverulento; il verde con clorato o nitrato di bario; il giallo con bicarbonato, cloruro, ossalato e nitrato di sodio; il viola con una miscela di carbonato di rame e nitrato di stronzio; quella azzurra con ossicloruro e solfato di rame ammoniacale. Per ravvivare le colorazioni si utilizza il calomelano, tra le sostanze accessorie vi sono le colle (arabica, di amido e di farina), la limatura di ferro, il nerofumo, ecc.

 La carica di lancio presente nei razzi in sequestro è in grado di proiettarli sino ad un’altezza di circa 50 metri. La velocità media è di circa 12 metri al secondo ovvero circa 40-45 km/h.

 


Artifici pirici denominati “Rocket Box” 

Sono state esaminate nr.7 confezioni di razzi “Rocket Box” (art.734) prodotti dalla “Liuyang Broad Fireworks Co. Ldt Liuyang  City – Hunan Repubblica Popolare Cinese” ed importati in Italia dalla ditta “Fireworks Sud Snc” di Napoli. Ogni confezione in cartone contiene nr.6 razzi della seguente tipologia:

  • razzi “Green Blink Willow Red Stars” (art. E734-B) della lunghezza di 19,5 cm, del diametro di 4,2 cm, del peso lordo di 85 grammi ognuno contenente 38 grammi di massa attiva.
  • razzi “Crackgling Willow Red Stars” (art. E734-C) della lunghezza di 19,5 cm, del diametro di 4,2 cm e del peso lordo di 85 grammi ognuno contenente 38 grammi di massa attiva.

Su ogni confezione è riportato il peso complessivo della massa attiva (228 grammi) e il peso lordo (650 grammi) dei nr.6 razzi contenuti in essa; il peso complessivo di massa attiva presente nei nr.42 razzi in sequestro è pertanto di 1596 grammi.

Sempre sulle confezioni in cartone è apposto il codice a barre “8 020113 007347”;  gli artifici in esame sono stati prodotti nel giugno del 2012, la loro validità, se correttamente conservati, è di 72 mesi.
La miccia pirica di colore verde a rapida velocità di combustione destinata all’attivazione dei razzi ha una lunghezza di 5 cm e un diametro di 2 mm; il ritardo di accensione è di circa 5 secondi. La miccia è protetta da un “cappuccio” in plastica di colore arancione che deve essere asportato prima dell’accensione.

Si tratta di artifici regolarmente catalogati dal Ministero dell’Interno appartenenti alla IV Categoria dell’Allegato “A” al regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S.

Classificazione

I razzi “Rocket Box” in sequestro rientrano nella IV categoria dei prodotti esplodenti di cui all’Allegato “A” all’art.83 del Regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S.; la IV Categoria comprende i fuochi pirotecnici veri e propri a base di prodotti esplodenti. Questi manufatti possono essere venduti soltanto dalle armerie e devono essere caricati su apposito registro; la vendita è riservata esclusivamente a titolari di porto d’armi o di nulla osta e scaricati annotando gli estremi del titolo d’acquisto.

 


Caratteristiche e peso netto complessivo dei prodotti attivi rinvenuti nei reperti in sequestro; normativa vigente.

Gli artifici in sequestro sono tutti riconosciuti dal Ministero dell’Interno ai sensi dell’art.53 del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza e classificati  nella IV Categoria di cui all’Allegato “A” all’art.83 del T.U.L.P.S. Su ogni confezione e/o artificio è apposta l’apposita etichetta su cui è riportato il peso lordo e il peso netto (massa netta) dei prodotti attivi presenti in esso.

I fuochi d’artificio o meglio gli articoli pirotecnici sono classificati dalle normative vigenti nelle seguenti categorie:

  • IV Categoria: comprende i fuochi pirotecnici veri e propri a base di prodotti esplodenti;
  • V Categoria: comprende i cosiddetti giocattoli pirici a prevalente effetto illuminante.

Gli artifici in sequestro, singolarmente, in nessun caso possono essere considerati “esplosivi ad effetto devastante” come le dinamiti, i detonanti, ecc. e ciò in considerazione della natura e delle caratteristiche delle polveri contenute in questi prodotti. I reperti sono quindi privi di quella “proprietà detonante” che è la sola in grado di definire la micidialità delle sostanze esplosive, ovvero la loro “capacità di cagionare la morte o di essere comunque utilizzate per finalità lesive” (definizione in Cass. Sez.1, sentenza nr.1467 del 294/91, Pres. Carnevale).

Si sottolinea che i principi attivi presenti negli artifici in sequestro sono costituiti da semplici miscele combustibili prive di sostanze capaci di determinare una loro possibile accensione spontanea e, pertanto, sono conformi alle vigenti disposizioni di legge. L’incidenza percentuale del materiale non facilmente combustibile varia in modo rilevante secondo il tipo di artificio; vi sono infatti prodotti in cui il peso di detto materiale influisce in minima parte sul peso complessivo (raudi, petardi, razzi) mentre in altri (es. gli artifici denominati “spettacoli”) l’influenza è rilevante per la particolare costituzione del manufatto.

Il D.M. del 23 settembre 1999 specifica che per “peso netto o massa netta” si deve intendere soltanto il peso dei prodotti attivi (cioè quelli esplodenti, incendivi, coloranti, fumogeni ed illuminanti); la massa netta dei prodotti attivi dovrà essere indicata sul singolo manufatto di IV e V Categoria e/o sulla confezione, in conformità a quanto riportato nel relativo decreto di riconoscimento e classificazione. La massa degli involucri e di quant’altro formi la struttura dei manufatti, ancorchè costituita da materiale combustibile quale carta, legno, polimeri, ecc. è esclusa dal computo della massa dei prodotti attivi.

Il peso netto dei prodotti attivi espresso in grammi riportato sulle etichette di tutti gli artifici pirici è un dato “ufficiale” in quanto è il valore dichiarato dai fabbricanti e/o dagli importatori alla “Commissione Consultiva del Ministero dell’Interno” all’atto della richiesta di riconoscimento e classificazione di qualsiasi tipo di artificio o giocattolo pirico che s’intenda commercializzare. Inoltre il peso netto dei prodotti attivi riportato sugli artifici è l’unico elemento utile per stabilire immediatamente se il quantitativo detenuto è conforme a quanto autorizzato dalla licenza prefettizia.

Il peso netto dei prodotti attivi rinvenuti negli artifici in sequestro, come precedentemente scritto, è il seguente:

Tipo di artificio

Peso netto massa attiva

nr.100 petardi “Folgore l’Originale”

2100 grammi

nr.21 razzi “Red Blink”

612 grammi

nr.42 razzi “Rocket Box”

1596 grammi

 

per un peso complessivo di massa attiva (materiale esplodente) di 4308 grammi.

Si ricorda che gli artifici pirici classificati come prodotti esplosivi (IV e V Categoria di cui all’Allegato “A” all’art.83 del Regolamento del T.U.L.P.S.) possono essere venduti solo da esercizi commerciali muniti di licenza prefettizia (art.47 T.U.L.P.S.).

  • i manufatti di IV Categoria devono essere caricati su apposito registro vidimato dalla Prefettura e venduti esclusivamente ad un titolare di porto d’armi in corso di validità o di un “Nulla Osta” e scaricati annotando gli estremi del titolo;
  • i manufatti di V Categoria Gruppo C devono essere caricati sull’apposito registro e venduti a persona maggiorenne e scaricati annotando gli estremi del documento (carta identità, patente, ecc.)

Gli artifici sequestrati agli indagati sono contenuti in appositi imballaggi regolamentari ed omologati avendo ottenuto la necessaria certificazione di attribuzione della classe di rischio “A.D.R.” 1.3G e 1.4G[13]; questa certificazione è rilasciata da un Organo Notificato previa valutazione tecnica che esclude sostanzialmente, per tali classi di rischio, la possibilità che esplodano in massa. Con il termine “esplosione in massa” si intende un’esplosione che interessa istantaneamente la quasi totalità del carico.


Nr.6 tubi in PVC di colore arancione

Sono stati esaminati nr.6 tubi in PVC di colore arancione contrassegnati dallo scrivente, per comodità espositiva, con le sigle “Reperto 1”, “Reperto 2”, “Reperto 3”, “Reperto 4”, “Reperto 5” e “Reperto 6”.

Reperto 1 – E’ un tubo in PVC di colore arancione della lunghezza di 95 cm avente diametro esterno e interno rispettivamente di 5 e 4,6 cm recante la scritta “0 50 Super” e la data di produzione 26/09/07. Un’estremità è chiusa da un “tappo” di nastro adesivo di colore grigio ad alta resistenza; l’altra estremità presenta una lacerazione in corrispondenza della sua parte terminale. All’interno del tubo si rinviene una patina di colore grigio.

Reperto 2 – E’ un tubo in PVC di colore arancione della lunghezza di 104 cm avente diametro esterno e interno rispettivamente di 4,5 e 4,2 cm recante la scritta “5 10:39 www.tubopvc.it – PVC-U IIP138 UNI EN 1329 B”. Un’estremità è chiusa da un “tappo” di nastro adesivo di colore grigio ad alta resistenza; all’interno del tubo si rinviene una patina di colore grigio.

Reperto 3 – E’ un tubo in PVC di colore arancione della lunghezza di 81 cm avente diametro esterno e interno rispettivamente di 6,3 e 5,7 cm recante la scritta “Sirea/PVC Golden – ø 63” e la data di produzione 06/09/2005. Un’estremità è chiusa da un “tappo” di nastro adesivo di colore grigio ad alta resistenza; all’interno del tubo si rinviene una minuscola lumaca in assenza di residui.

Reperto 4 – E’ un tubo in PVC di colore arancione della lunghezza di 147 cm avente diametro esterno e interno rispettivamente di 6,3 e 5,7 cm recante la scritta “Sirea PVC Golden” e la data di produzione 24/08/2005. Un’estremità è chiusa da un “tappo” di nastro adesivo di colore grigio ad alta resistenza; l’altra estremità è stata tagliata in modo lievemente obliquo, a “fetta di salame”. All’interno del tubo non si rinvengono residui.

Reperto 5 – E’ un tubo in PVC di colore arancione della lunghezza di 104 cm avente diametro esterno e interno rispettivamente di 5,0 e 4,3 cm recante la scritta “Sirea/Gold – PVC IIP138 UNI EN 1329 B” . Un’estremità è chiusa da un “tappo” di nastro adesivo di colore grigio ad alta resistenza; l’altra estremità è stata tagliata perfettamente mediante apposito utensile. All’interno del tubo si rinviene una patina di colore grigio con tracce di sfregamento .

Reperto 6 – E’ un tubo in PVC di colore arancione della lunghezza di 87 cm avente diametro esterno e interno rispettivamente di 5,0 e 4,3 cm recante la scritta “Sirea/Gold – PVC  U IIP138 UNI EN 1329 B” e la data di produzione 21/04 . Un’estremità è chiusa da un “tappo” di nastro adesivo di colore grigio ad alta resistenza; l’altra estremità è stata tagliata in modo lievemente obliquo, a “fetta di salame”. All’interno del tubo si rinviene una patina di colore grigio con tracce di sfregamento

“Effettui inoltre dei prelievi all’interno dei sei tubi in PVC al fine di verificare l’eventuale presenza di residui di combustione e di conseguenza accertare se siano già stati utilizzati”.

Mediante stub per microscopia elettronica ricoperti di carbone biadesivo sono stati eseguiti alcuni prelievi dall’interno di ognuno dei sei tubi in P.V.C. al fine di rilevare l’eventuale presenza di residui di combustione e di conseguenza accertare se siano già stati utilizzati.

 

Stabilisca inoltre se detti tubi possano essere utilizzati per il lancio degli artifici in sequestro e se in caso affermativo ne aumentino la potenzialità lesiva e micidiale”.

I nr.6 tubi in PVC possono essere utilizzati per il lancio dei razzi in sequestro essendo chiusi ad una delle estremità da uno spesso strato di nastro adesivo di colore grigio; svolgono pertanto egregiamente la funzione di tubo lanciarazzi come dimostrato dalle prove sperimentali svoltesi in data 17 settembre 2013 presso una cava sita nel comune di Orbassano.

Questi tubi possono essere orientati a piacimento verso il bersaglio prescelto; è sufficiente accendere la miccia pirica del razzo, inserirlo rapidamente nel tubo, puntarlo e attendere circa 5 secondi trascorsi i quali la carica propulsiva dell’artificio si accende proiettandolo all’esterno dello stesso con una velocità di circa 40-45 km/h. Acquisita la necessaria pratica è possibile colpire con una certa precisione una sagoma umana posta a circa 15-20 metri di distanza; si sottolinea che questi tubi possono essere maneggiati ed impugnati con estrema facilità anche da una sola persona. Lavorando in “tandem” il lavoro viene facilitato in quanto un soggetto impugna il tubo mentre l’altro accende la miccia e inserisce il razzo all’interno del tubo stesso.

Per quanto concerne il quesito se “detti tubi aumentino la potenzialità lesiva e micidiale degli artifici (razzi) in sequestro” si può sinteticamente rispondere affermando che la potenzialità lesiva dei razzi rimane invariata ma aumenta considerevolmente, se utilizzati impropriamente, la precisione e di conseguenza la possibilità di colpire  persone e/o cose.

Fionde

Sono state esaminate nr.5 fionde marca “Mega Line” di colore nero con impugnatura in lega leggera munite di appoggia braccio e elastici in caucciù di colore giallo in ottimo stato di conservazione di cui due esemplari marca “Mega Line” e tre marca “Barnett”. Si tratta di fionde di buona potenza in quanto consentono di scagliare biglie di acciaio con discreta precisione sino ad una distanza di circa 30 metri.

Le nr.5 fionde in sequestro sono da classificarsi oggetti atti ad offendere di libera vendita e detenzione di cui è vietato il porto se non in presenza di giustificato motivo.

Maschere anti-gas

Sono state esaminate nr.5 maschere anti-gas di colore nero in buono stato di conservazione idonee a preservare l’apparato respiratorio dalla maggior parte dei gas, compresi i lacrimogeni (CS alias orthoclorobenzalmalononitrile).
Sono da classificarsi oggetti di libera vendita e detenzione.

Maschere da verniciatore

Sono state esaminate due maschere di colore bianco del tipo utilizzato dai verniciatori per preservare l’apparato respiratorio dall’inalazione di sostanze nocive per l’organismo.

Sono da classificarsi oggetti di libera vendita e detenzione.

Cesoie

Sono state esaminate nr.4 cesoie di colore giallo marca Aurer con impugnatura in materiale plastico di cui tre esemplari della lunghezza di 48 cm ed uno della lunghezza di 65 cm; si tratta di utensili idonei che consentono di tagliare corde, lamiere, lucchetti, reti, ecc. Si presentano in ottimo stato di conservazione, le lame della cesoia di maggiori dimensioni recano tracce di utilizzo; sull’impugnatura di alcuni esemplari è apposta una etichetta adesiva riportante il prezzo (€ 31,10).

Le nr.4 cesoie in sequestro sono da classificarsi utensili di libera vendita e detenzione.

Guanti da lavoro

Sono stati esaminate nr.22 paia di guanti da lavoro di colore bianco con il bordo rosso marca “Vega” (art. G1488) taglia “10” recanti il marchio CE.

Cubetti accendifuoco

Sono state esaminate due confezioni sigillate di cubetti accendifuoco c.d. “Diavolina” contenenti ognuna nr.48 cubetti; si tratta di un combustibile solido solitamente utilizzato per accendere le stufe o i barbecue distribuito in Italia dalla Lidl. Questi cubetti di “Diavolina” possono trovare anche impiego in azioni di sabotaggio in quanto sviluppano calorie ampiamente sufficienti per appiccare il fuoco anche a grossi pneumatici.

I cubetti accendifuoco in sequestro sono di libera vendita e detenzione. 

Corde di nylon

Sono state esaminate una matassa di corda e una bobina di corda in nylon (poliammide) del diametro di 4 mm di colore bianco e nero caratterizzata da un carico di rottura di circa 300 kg, se imbevuta in liquido infiammabile può essere utilizzata come stoppino per la fabbricazione di ordigni incendiari quali, ad esempio, le bombe “Molotov”.

Chiodi artigianali a quattro punte

Sono stati esaminati nr.31 chiodi in acciaio a quattro punte della lunghezza media di circa 6-7 cm realizzati artigianalmente utilizzando spezzoni di reti elettro saldate per edilizia; le punte sono acuminate, le varie parti sono unite mediante saldatura elettrica. Si tratta di chiodi in grado di squarciare pneumatici di autovetture e di mezzi pesanti.

 Bottiglie di plastica da 1,5 lt contenenti liquido di colore giallo

Sono state esaminate nr.5 bottiglie di plastica di acqua minerale da 1,5 litri contenenti benzina c.d. “verde” chiuse con normale tappo a vite. Queste bottiglie possono esser utilizzate come “molotov” qualora si inserisca all’interno del tappo una miccia, costituita ad esempio, da uno spezzone di corda in nylon come quelle precedentemente esaminate. 

Bottiglie di plastica da 0,5 lt contenenti liquido di colore bianco

Sono state esaminate nr.11 bottiglie di plastica di acqua minerale da 0,5 litri contenenti un liquido di colore bianco costituito da acqua miscelata con “Maalox”; questa miscela è idonea a ridurre gli effetti generati dai gas lacrimogeni CS (ortoclorobenzalmalononitrile) utilizzati dalle forze dell’ordine.

Pneumatici

Sono stati esaminati nr.6 pneumatici usati di varie marche e tipo per autovetture.

Alcuni reperti in sequestro possono essere utilizzati per la fabbricazione di ordigni esplosivi e/o incendiari e precisamente:

I nr.100 petardi denominati “Folgore l’Originale” sono caratterizzati da rilevante potenza come evidenziato dalle prove sperimentali effettuate il 17 settembre 2013 presso una cava sita nel comune di Orbassano. Lo scoppio di uno di questi petardi ha frantumato una assicella di abete stagionato dello spessore  di 2 cm posta a contatto con l’artificio. La potente deflagrazione ha provocato anche la lacerazione del rivestimento interno di un frigorifero rinvenuto nella cava sul quale  era stato collocato il petardo.

L’effetto della deflagrazione aumenta esponenzialmente se più petardi vengono uniti tra loro; in tal caso può verificarsi uno scoppio micidiale in grado di provocare lesioni anche mortali in chiunque si trovi nelle vicinanze del punto di scoppio. Come precedentemente scritto questi artifici possono anche essere scagliati a distanza a mano o utilizzando una fionda.

I razzi in sequestro possono essere utilizzati come “proiettili” per colpire persone e/o cose poste anche a considerevole distanza (oltre 30 metri); inserendoli nei tubi in PVC in sequestro possono infatti essere direzionati con una certa precisione. La capacità lesiva di un razzo del peso di circa 75-85 grammi proiettato a circa 40-45 km/h può essere micidiale se attinge parti vitali dell’organismo, come hanno evidenziato i test sperimentali eseguiti il 17 settembre 2013 presso una cava sita nel comune di Collegno. Una tavola di legno compensato dello spessore di 6 mm posta ad una distanza di 8 metri dal tubo lanciarazzi è stata infatti sbriciolata dall’impatto dell’artificio/i. Si sottolinea inoltre che al termine della combustione del propellente di lancio presente nella parte inferiore del razzo destinato alla sua proiezione la “spoletta” di ritardo, frapposta tra la polvere nera e la carica illuminante, impedisce l’immediata accensione della carica luminosa posta nell’artificio. Esaurita l’azione di ritardo della spoletta si verifica uno scoppio con proiezione a 360 gradi con effetti di vario colore e tipologia che sviluppano forte calore e scintille con possibile propagazione di un incendio nel caso lo scoppio non avvenga in aria ma al suolo e con probabili ustioni per le persone poste nelle immediate vicinanze.

I razzi e i petardi in sequestro sono artifici pirici che rientrano nella IV categoria dei prodotti esplodenti di cui all’Allegato “A” all’art.83 del Regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S.; la IV Categoria comprende i fuochi pirotecnici veri e propri a base di prodotti esplodenti. Questi manufatti possono essere venduti soltanto dalle armerie e devono essere caricati su apposito registro; la vendita è riservata esclusivamente a titolari di porto d’armi o di nulla osta e scaricati annotando gli estremi del titolo d’acquisto. La detenzione illegale di questi artifici rientra nell’art.678 del c.p.

I nr.6 tubi in PVC possono essere utilizzati come “tubi lanciarazzi”; inserendo al loro interno i razzi “Rocket Box” e “Red Blink” in sequestro diventano vere e proprie armi in quanto consentono di indirizzare con una certa precisione i razzi pirotecnici in esame. Si precisa che questi artifici, se lanciati perpendicolarmente, possono raggiungere 80-90 metri di quota. A breve distanza la loro capacità lesiva è considerevole. All’interno dei tubi in PVC si rinvengono residui di combustione, segno evidente che sono già stati utilizzati per detto scopo.

Le nr.5 bottiglie in  plastica da 1,5 litri contengono benzina  c.d. “verde”; le nr.11 bottiglie in plastica da 0,5 litri contengono acqua miscelata con “Malox”; questa miscela trova valido impiego per ridurre gli effetti generati dai gas lacrimogeni.

La corda in poliammide del diametro di 5 mm in sequestro può essere destinata a vari impieghi; se imbevuta di liquido infiammabile diventa un efficiente “stoppino” per bottiglie incendiarie (c.d. Molotov).

Le mattonelle accendi fuoco (c.d. diavolina) in sequestro possono essere utilizzate per appiccare incendi (arbusti, pneumatici, ecc.).

Il materiale in sequestro è idoneo alla fabbricazione di ordigni esplosivi e/o incendiari