ROMA-JUVE, ESPOSITO: NON MI POSSO SCUSARE PER COSE DI 30 ANNI FA

ROMA-JUVE, ESPOSITO: NON MI POSSO SCUSARE PER COSE DI 30 ANNI FA

(OMNIROMA) Roma, 02 SET – “A chi devo chiedere scusa? Non mi posso scusare per una cosa fatta trent’anni fa”. Commenta così il senatore Pd e
assessore alla Mobilità di Roma Capitale, Stefano Esposito, interpellato da Omniroma, le polemiche suscitate dal suo intervento di ieri alla trasmissione “La Zanzara” di Radio24. Intervistato dai conduttori, Esposito aveva confessato di aver cantato molte volte il coro “Roma m…”. “Mi hanno
chiesto di cantare quello che facevo quando avevo sedici anni, trent’anni fa, quando tutti questi moralisti cosa facevano? Avrei dovuto negare? Quello che ho fatto nella mia gioventù non lo posso nascondere né me ne vergogno”,
spiega. “Con tutti i problemi di Roma guarda un po’ se devo stare a correre
dietro a Storace o ad Alemanno”, aggiunge, precisando: “Fosse una cosa
fatta il giorno di Roma-Juve, andando allo stadio a urlare ‘Roma m…’, potrei capire. Ma non vado più in curva da trent’anni. Abbiate pazienza se ho un passato. Se poi dovesse urtare qualcuno mi dispiace, ma è il mio
passato”. E sulle dimissioni chieste da Sel, replica: “Non perdo neanche
tempo a rispondere”.