Ennesima bufala notav, questa volta strumentalizzano le polveri sottili. La verità però è altra…

NOTAV.INFO continua anche nel 2016 a produrre bufale e informazione falsa.

Il post http:/www.notav.info/post/polveri-sottili-inizio-anno-da-brividi-al-cantiere-tav-di-chiomonte/ ne è l’ennesima riprova.
Il post usa i dati della centralina del cantiere di Chiomonte per attribuire alle lavorazioni del cantiere lo sforamento dei limiti del PM10 registrato dal “contaparticelle” nella giornata del 2 gennaio.
Peccato che l’innalzamento delle concentrazioni di polveri sottili nell’aria registrato i primi giorni dell’anno nei pressi del cantiere di Chiomonte non è in alcun modo collegabile ai lavori, che sono stati invece interrotti nel periodo natalizio, con lo scavo del tunnel geognostico della Maddalena fermo dal 30 dicembre al 4 gennaio (i lavori nel periodo sono stati limitati solo alla manutenzione della fresa).

Tutti oramai riconoscono che l’area di Chiomonte è tra le meglio monitorate d’ Europa; la qualità dell’aria, viene monitorata h24 con le metodologie previste dalla normativa e concordate con l’Arpa e gli enti di controllo, a tutela della salute dei lavoratori e della cittadinanza.
I sistemi di monitoraggio della qualità dell’aria hanno registrato quanto è successo nell’ autostrada sovrastante.
Per capire cosa è successo basterebbe che NOTAV.info leggesse i giornali.

Proprio il 2 gennaio si è avuta la giornata nera dell’autostrada Torino-Modane con un’impennata del traffico veicolare sull’A32 tra Francia e Italia per le festività natalizie e per i nuovi controlli antiterrorismo alla frontiera, con blocchi, code di ore ed intervento della protezione civile.

Basterebbe un briciolo di onestà intelletuale dei cosiddetti “esperti” del movimento, per pensare che una tale situazione può aver inciso significativamente sull’aumento del PM10 nell’aria, soprattutto in una condizione di prolungata assenza di precipitazioni. Un fenomeno che ha interessato nel corso degli ultimi mesi tutto il Paese. Si veda in merito gli articoli sul traffico fuori controllo su A32 su tutti i giornali del 3 gennaio 2016.

Il post è quindi solo un “appello” di notav.info a sostegno della realizzazione dell’opera: è proprio per togliere mezzi pesanti ed auto dalla autostrada A32 e per migliorare le condizioni ambientale sulla valle che si sta realizzando la nuova linea ferroviaria Torino Lione.

Stefano ESPOSITO
Antonio FERRENTINO